Diocesi di Vicenza - Archivio News
"Cristo non può essere diviso!"
Dal 18 al 25 gennaio 2014
in tutta la diocesi si prega per l‘unità dei cristiani

"Cristo non può essere diviso!"

Nella Diocesi di Vicenza, come di consueto, la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani dal 18 al 25 gennaio 2014 sarà scandita da uno o più appuntamenti quotidiani con le varie confessioni cristiane del territorio grazie all‘impegno organizzativo della Commissione per l’ecumenismo e il dialogo.«Con l’immigrazione - spiega il presidente della Commissione, mons. Giuseppe Dal Ferro - sono sorte nel Vicentino quattro comunità ortodosse, una serba, una moldava e due romene, con una propria chiesa per la liturgia, e una trentina di Chiese pentecostali che si rifanno alla tradizione protestante. Dalla seconda metà dell’‘800, poi, in contrà San Faustino in Vicenza, continua l’attività una Chiesa evangelica metodista».
Saranno perciò i fedeli di queste Comunità cristiane, insieme con i fratelli cattolici, ad animare dal 18 al 24 gennaio gli incontri di preghiera in alcune parrocchie della diocesi, per concludere tutti insieme nella grande Veglia ecumenica, alle ore 20.30 di sabato 25 gennaio, nella chiesa dei Santi Felice e Fortunato a Vicenza, con la presenza del Vescovo Beniamino Pizziol e dei rappresentati delle altre confessioni: p. Milivoje Topiç serbo-ortodosso; p. Veniamin Onu, moldavo-ortodosso; p. Cristian Manasturean e p. Roman Jonascu, romeno-ortodossi; il pastore William Jourdan, valdese, e John Amponsah, pentecostale. 

Della Settimana di preghiera è, inoltre, da segnalare, la messa cattolica in rito bizantino slavo presieduta da padre Lorenzo Altissimo, con la spiegazione da parte del professor Lorenzo Fellin dell’Università di Padova e l’animazione del coro di Sandrigo diretto dal maestro Guido Ponchio, che sarà celebrata domenica 19 gennaio 2014, alle ore 10.30, nella Cattedrale di Vicenza. (vai al Programma completo).
Il tema comune scelto per la Settimana 2014 è “Cristo non può essere diviso!” ed è tratto dal brano di apertura della Prima lettera ai Corinzi in cui Paolo parla alla Chiesa di Corinto dilaniata da gruppi contrapposti. C‘era chi dichiarava: «Io sono di Paolo»; un altro: «Io di Apollo»; un terzo: «Io sono di Pietro»; e un quarto: «Io sono di Cristo». Come scrive il presidente della Commissione per l’ecumenismo e il dialogo della Cei mons. Mansueto Bianchi, “è proprio l‘ultima affermazione di questa sequenza che più ci interpella: utilizzare Cristo per sancire le nostre divisioni”. E’ una situazione che si è verificata spesso nella storia del cristianesimo, “laddove la ricerca della fedeltà all‘evangelo di Cristo, per le varie tradizioni cristiane, invece di creare un patrimonio comune ha suscitato scomuniche e conflitti”. Lo scandalo e il paradosso della nostra vita cristiana - evidenzia il presule - è proprio l’essere “divisi nel nome di Cristo”.
 
La Settimana, dunque, è un momento privilegiato in cui, tutti i cristiani delle varie confessioni  chiedono attraverso la preghiera il dono dell’unità e rinnovano l’impegno a proseguire nel delicato cammino verso il superamento delle divisioni.  Tuttavia, il tema di quest’anno suggerisce altri stimoli, primo fra tutti quello di valorizzare le grandi diversità che arricchiscono il nostro Paese - e la nostra Diocesi - e che invece tendiamo a ignorare o a disprezzare. Monsignor Bianchi ne cita alcune: “Pensiamo - scrive - all‘arrivo di migranti da ogni parte del mondo e, soprattutto, da quel sud del mondo nel quale oggi vive la maggioranza dei cristiani. Pensiamo alle Chiese di migranti che si formano sul nostro territorio. Pensiamo alla presenza di altre religioni giunte ad allargare i nostri confini culturali e perfino spirituali. Pensiamo all‘esigenza di libertà e di dialogo che una società multiculturale sempre più richiede”. E conclude: “Sia anche questo l‘orizzonte ecumenico della nostra ricerca di unità, rafforzata dalla nostra continua e fervida preghiera di fraternità”.
 
Luca de Marzi 
 
IL PROGRAMMA DELLA SETTIMANA DI PREGHIERA PER L’UNITA’ DEI CRISTIANISabato 18 gennaio 2014Ore 20.30 nel Duomo di Ognissanti di ArzignanoIncontro di preghiera con la Comunità serbo-ortodossa
Domenica 19 gennaio 2014Ore 10.30 nella Cattedrale di VicenzaMessa in rito bizantino-slavo presieduta da padre Lorenzo Altissimo con il Coro di SandrigoOre 17.00 nella chiesa di Sant’Antonio di SchioIncontro di preghiera con p. Roman Jonascu della Chiesa romeno-ortodossa
Lunedì 20 gennaio 2014Ore 20.30 nella chiesa di Santa Croce a Vicenza (in contrà Porta Santa Croce n. 55)Incontro di preghiera con la Comunità moldavo-russa
Martedì 21 gennaio 2014Ore 20.30 nella parrocchia di Altavilla VicentinaIncontro di preghiera con i pentecostali
Mercoledì 22 gennaio 2014Ore 18.30 nella chiesa evangelica metodista di Vicenza (in via San Faustino n. 10)Culto evangelico metodistaOre 20.30 nella chiesa di San Carlo di Vicenza (al Villaggio del Sole)Incontro di preghiera con i pentecostali
Giovedì 23 gennaio 2014Ore 19.00 nella chiesa della Misericordia di Vicenza (in contrà della Misericordia n. 16)Incontro di preghiera con la Comunità serbo-ortodossaOre 20.30 nella chiesa parrocchiale di CostabissaraIncontro di preghiera con la Comunità romeno-ortodossa
Venerdì 24 gennaio 2014Ore 20.30 nella chiesa di San Francesco di Bassano del GrappaIncontro ecumenico di preghiera
Sabato 25 gennaio 2014Ore 20.30 nella chiesa dei Santi Felice e Fortunato di Vicenza Veglia di preghiera ecumenica con il Vescovo Beniamino Pizziol e i rappresentanti delle varie confessioni
 
 
 
 


Ultimo aggiornamento di questa pagina: 21-GEN-14
 

vicenza - Copyright @2005 - Strumenti Software a cura di Seed