Diocesi di Vicenza
 Salute » Appuntamenti » Il ministro straordinario della Comunione 
Martedì 16 Aprile 2019
Il ministro straordinario della Comunione   versione testuale
Relazione di p. Luciano Sandrin






 

IL MINISTRO STRAORDINARIO DELLA COMUNIONE

visitare il malato, consolare il suo dolore, accompagnare le sue speranze

(Vicenza – 6 aprile 2019)

 

p. Luciano Sandrin - camilliano

 

 

Nella nostra vita cerchiamo di star bene e di essere felici ma veniamo toccati, più o meno seriamente, anche dalla malattia e dal dolore. Le nostre storie, come quelle delle nostre famiglie e dei nostri amici, sono segnate dalla fragilità. E tutto ciò ha un forte impatto sulla pastorale che siamo chiamati ad esprimere come discepoli di Cristo che nella sua vita terrena si è preso cura, con particolare attenzione, delle persone sofferenti che a lui accorrevano per ascoltare la sua consolante parola e in lui cercavano guarigione. La comunità cristiana è chiamata a “fare memoria” della compassione di Gesù verso le persone più fragili, del suo comando di annunciare l’amore di Dio e di guarire i molti feriti che incontra sul suo cammino. Amore a Dio e amore agli uomini, servizio a Dio e servizio alle persone non possono essere separati e la carità è la forma espressiva più autentica del servizio cristiano. Il gesto della lavanda dei piedi da parte di Gesù è per tutti noi un esempio e un comando. Eucaristia e lavanda dei piedi sono due espressioni di un unico “memoriale” che rende ancora oggi presente il Cristo in mezzo a noi. Stola e grembiule – come amava sottolineare continuamente il vescovo Tonino Bello - sono ambedue importanti simboli di risposta all’unico comando dell’amore.

 

Scarica tutto il testo della relazione